Tiziano Fratus nasce a Bergamo nel 1975. Cresce in Lombardia e in Piemonte, con la dissolvenza della propria famiglia naturale inizia a viaggiare, attraversando le foreste di conifera della California e delle Alpi perfeziona il concetto di Homo Radix, al quale conseguono la pratica dell’Alberografia e la disciplina della Dendrosofia. In vent’anni di lavoro pubblica molti libri fra i quali il romanzo Ogni albero è un poeta (Mondadori), la guida Manuale del perfetto cercatore d’alberi (Feltrinelli), i saggi appartenenti ai cicli Trilogia degli Alberi Monumentali (L’Italia è un bosco, Il libro delle foreste scolpite, L’Italia è un giardino – Laterza Editore) e Dittico degli alberi nube (Il sussurro degli alberi, Il sole che nessuno vede – Ediciclo Editore), nonché album di poesia i più recenti dei quali sono Un quaderno di radici e Vergine dei nidi, pubblicati da Feltrinelli. Sue liriche sono tradotte in otto lingue e pubblicate su rivista o in volume in una quindicina di paesi, fra nord e sud America, Europa e sud est asiatico. Ha all’attivo personali fotografiche e dal 2012 cura la rubrica “Il cercatore d’alberi” sul quotidiano “La Stampa”. Volumi in cantiere: I giganti silenziosi e Giona delle sequoie (Bompiani), la storia per ragazzi Waldo Basilius e i giganti del mondo al contrario (Pelledoca), C’era una volta il grande albero (Einaudi). Sito: www.homoradix.com